flagellazioneflagellazione

Flagellazione

Esecuzione dei lavori Cesare Tinì

Provenienza Calatamauro, Abbazia di Santa Maria del Bosco, proprietà F.E.C.

Collocazione Museo Diocesano di Monreale

Oggetto Flagellazione

Materiale marmo

Misure cm 82x52

Datazione terzo quarto del XVIII secolo

Attribuzione scultore siciliano

Inizio Lavori 5 maggio 2010

Fine Lavori 31 maggio 2010

L’opera è parte della decorazione della cappella della Passione dell’Abbazia di Santa Maria del Bosco di Calatamauro. L’intero ornato constava di nove episodi del ciclo della Passione, di cui solo due sono sopravvissuti al terremoto del 1968 che colpì quella terra. La Flagellazione mostra figure solide con lievi incertezze prospettiche e anatomiche e ricorre a moduli compositivi di ascendenza manierista, con la torsione dei personaggi e lo sfondo architettonico che incornicia la scena. È riconducibile a scultore siciliano del terzo quarto del XVIII secolo.

La formella, parzialmente usurata dal tempo, è stato pulita senza alterarne la materia costitutiva. È stata spolverata a secco con pennelli morbidi e pulita con acqua deionizzata. La rimozione dello sporco grasso è stata effettuata con detergente anionico (twin 20) diluito in acqua deionizzata al 2%. La pellicola grigiastra formatasi sul marmo è stata rimossa attraverso l’applicazione di impacchi emollienti di argilla assorbente (sepiolite) con interposizione di fogli di carta di riso. In ultimo, è stato eseguito un trattamento protettivo con l’applicazione di un sottile strato di cera microcristallina disciolta in alcool incolore. L’opera, tripartita, è stata assemblata e definitivamente inserita in una parete della sala del Rinascimento al Museo Diocesano di Monreale.

Dott. Lisa Sciortino

/

© Museo Diocesano di Monreale 2016