iconeiconeiconeiconeiconeicone

Icone - Tradizione / Contemporaneità

La mostra “Icone. Tradizione/Contemporaneità. Le icone post-bizantine della Sicilia nord-occidentale e la loro interpretazione contemporanea” (4 aprile-4 settembre 2019), allestita nella sala San Placido, a cura di Francesco Piazza e Giovanni Travagliato, vede in esposizione icone dei secoli XVII-XVIII provenienti da Mezzojuso, Piana degli Albanesi e dal Museo stesso, affiancate da opere contemporanee di artisti siciliani e greci.

La Grecia è rappresentata da Manolis Anastasakos, Dimitris Ntokos, Nikos Moschos, Kostantinos Papamichalopoulos, Zoi Pappa, Christos Tsimaris, mentre i siciliani sono Giuseppe Bombaci, Sandro Bracchitta, Giorgio Distefano, Roberto Fontana, Antonino Gaeta e Ignazio Schifano.

L’allestimento espositivo, studiato nella consueta sinergia tra le diverse istituzioni coinvolte, ha voluto proprio mettere in risalto il dialogo tra la storia e la contemporaneità nel rapporto tra le icone antiche e i dipinti moderni, che gli artisti hanno realizzato ciascuno secondo la personale cifra stilistica, attingendo al proprio vissuto come bagaglio esperienziale.

Il riproporsi per diversi secoli di immagini sacre su fondo aureo, che vede uno dei massimi esempi proprio nello scintillante apparato decorativo della Cattedrale di Monreale, mette in risalto le difficoltà odierne di reinterpretare in chiave contemporanea un linguaggio figurativo ormai storicizzato. Tuttavia, la mostra suggerisce strade alternative, proposte con intelligenza dagli artisti contemporanei. La mostra è corredata da un catalogo che analizza le opere in esposizione attraverso i saggi affidati a diversi studiosi.

Un interessante percorso didattico esplicato in attività di laboratorio, ideato e curato da Chiara Dell’Utri, è mirato alla presentazione dell'esposizione temporanea con particolare attenzione ed indirizzo nei confronti degli studenti più giovani.

Per sottolineare i rapporti culturali  tra la Grecia e la Sicilia, il progetto prevede una tappa dell'evento in terra ellenica, in collaborazione con le istituzioni diplomatiche, culturali e di promozione turistica dei due Stati.

 

Ideazione

Francesco Piazza e Vassilis Karampatsas

Mostra e catalogo a cura di

Francesco Piazza e Giovanni Travagliato

Organizzazione

Comunità Ellenica Siciliana “Trinacria”

Comitato onorario

S.E. Mons. Giorgio Demetrio Gallaro, Eparca di Piana degli Albanesi

S.E. Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale

Don Vincenzo Cosentino, Eparchia di Piana degli Albanesi -Direttore BB.CC.EE. Arte Sacra ed Edilizia di Culto

Papas Giorgio Rosario Caruso, Parrocchia San Nicola di Mira di Mezzojuso

Don Nicola Gaglio, Arcidiocesi di Monreale - Presidente Fabbriceria Duomo di Monreale

Haralabos Tsolakis, Presidente Comunità Ellenica Siciliana “Trinacria”

Comitato scientifico

Maria Concetta Di Natale, Università degli Studi di Palermo - Direttore Museo Diocesano di Monreale

Michele Bacci, Università di Fribourg

Antonio Iacobini, Università di Roma “La Sapienza”

Lina Bellanca, Soprintendente BB.CC.AA. di Palermo

Pierfrancesco Palazzotto, Università degli Studi di Palermo

Lisa Sciortino, Museo Diocesano di Monreale

Emma Vitale, Università degli Studi di Palermo

Maurizio Vitella, Università degli Studi di Palermo

Comitato organizzatore

Stefania Bua

Vassilis Karampatsas

Francesco Piazza

Giovanni Travagliato, Università degli Studi di Palermo

Coordinamento tecnico-amministrativo

Vassilis Karampatsas

Logistica, conservazione e restauri

Ciro Muscarello

Comunicazione istituzionale e Ufficio stampa

Maria Lucia Ferruzza

con il patrocinio di:

Comunità Ellenica Siciliana Trinacria

Istituto Italiano dei Castelli – Sezione Sicilia

Università degli Studi di Palermo – Dipartimento “Culture e Società”

Accademia di Belle Arti di Palermo

Fondazione Orestiadi di Gibellina

Partner istituzionali

Banca Fideuram

Partner tecnici

Visiva Pubblicità Marketing Tools

Mò Avast – Ristorante mediterraneo

Mansourcing

Media partner

CTS Compagnia Televisiva Siciliana

Visualya Webdesign e Social Media Management

/

© Museo Diocesano di Monreale 2020